fbpx

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

Gita a Giocabosco e ala Lago di Ledro

Per tutti i nostri ospiti che sono in cerca di idee per completare il loro fine settimana in zona, ecco la seconda proposta: il Lago di Ledro.

Qui trovi la prima: Il Parco delle fucine di Casto

Il Lago di Ledro

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

A un’ora e venti da Giocabosco, costeggiando il Lago d’Idro e passando dalla Lombardia al Trentino, si arriva al Lago di Ledro.

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

Il Lago di Ledro è a 650 metri di altitudine. Il perimetro del Lago è di circa 10 Km e la passeggiata intorno al Lago di Ledro si percorre in circa un paio d’ore con dislivello minimo. A parte il tratto da Molina a Pur, lungo il quale si transita sulla strada comunale (pericolosa da percorrere a piedi con i bambini perché stretta e senza marciapiede), il resto del percorso è su tracciato sterrato a bordo lago. Oltre alle spiagge potrai visitare Ledro Land Art e Il Museo delle Palafitte, te ne parlo più sotto.

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro
Spiaggia di Pur

Le spiagge

Troverai quattro spiagge pubbliche e una per i cani, noi abbiamo scelto quella di Pur perché è la più tranquilla.

  • Spiaggia pubblica di Pieve di Ledro. È situata sulla sponda nord-ovest del Lago di Ledro, è divisa in tre zone e dispone di vari servizi tra i quali un campo da beach volley, ampio parcheggio, bar e pizzerie, parco giochi per bambini e campo da minigolf.
  • Spiaggia pubblica di Molina di Ledro. La spiaggia è in località Besta, è la più grande e la più esposta al sole; trovi un grande prato verde, il campo da beach volley, i campi da tennis, servizi igienici, ampio parcheggio e bar.
  • Spiaggia pubblica di Mezzolago. La spiaggia pubblica di Mezzolago si trova sulla sponda nord del Lago di Ledro e a due passi dal centro abitato. Ha un ampio prato con parco giochi per bambini, tavoli per pic nic e in spiaggia c’è un pontile galleggiante.
  • Spiaggia pubblica di Pur. La spiaggia pubblica di Pur è la più tranquilla della valle e si trova sulla sponda sud del Lago di Ledro; trovi un grande prato con parco giochi per bambini, parcheggio a pagamento, bar e pizzeria nelle vicinanze. Divisa da una staccionata con rete trovi la spiaggia per cani.

Nonostante non ci siano cestini per i rifiuti, è tutto molto pulito. Organizzati con sacchetti diversi per riportare a casa i tuoi rifiuti differenziati.

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro
Spiaggia di Pur

Il Museo delle Palafitte

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

Le sponde del Lago di Ledro sono abitate da almeno 4.000 anni e ospitavano un villaggio palafitticolo. Nell’ultimo secolo sono stati rinvenuti più di 10.000 pali che hanno valso al sito archeologico del Lago di Ledro il riconoscimento dell’UNESCO. Il museo e il villaggio ricostruiscono l’insediamento palafitticolo del Lago di Ledro e fanno rivivere al visitatore la vita dei nostri antenati.

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro
Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro
Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

Ledro Land Art

Oltre a questo bellissimo sito archeologico, non puoi non visitare il percorso artistico nel bosco di Ledro Land Art.

Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro
Gita a Giocabosco e al Lago di Ledro

Tutte le informazioni su Ledro Land Art le trovi qui https://www.vallediledro.com/it/ledro-land-art.

Il Lago di Ledro è questo ma anche tanto altro, se vuoi sapere cosa altro visitare consulta il sito ufficiale del Lago.

Settimana prossimo ti parlerò di un altro posto poco conosciuto, ma molto bello da visitare con i bambini.

Seguici su Facebook
instagram giocabosco
Seguici su Instagra

Gita a Giocabosco e al Parco delle Fucine

Parco Fucine di Casto

Giocabosco si trova a pochi Km dal Lago di Garda, ma non solo!

Per tutti i nostri ospiti che sono in cerca di idee per completare il loro fine settimana in zona, ecco la prima proposta!

Il Parco delle fucine di Casto

Gita a Giocabosco e al Parco delle Fucine

Salendo verso la Valsabbia (30 minuti da Giocabosco), si trova il Parco delle Fucine di Casto, un luogo immerso nella natura e nella storia. Seguendo sentieri ben segnati, è possibile fare una bella passeggiata adatta ai bambini.

Il percorso

Il percorso ha una durata di due ore circa, ma con i bambini ci impiegherai di più perché ci sono molti punti nei quali fermarsi a giocare e da esplorare.

E’ sconsigliato l’uso del passeggino.

Si parte dal chiosco e si prosegue sul sentiero degli alpini fino al Rifugio Paradiso (altitudine di circa 800m), un percorso molto semplice per tutte le età, che passa a fianco di 5 laghetti, ricco di passerelle e al suo interno obbliga il passaggio sotto una cascata. Raggiunto il Rifugio Paradiso il sentiero sale verso Luina e discende sino al fiume. Si prende poi una salita cementata, molto corta, giunti in cima si discende dal sentiero Sapei, per entrare nel Parco delle Fucine e giungere nuovamente al chiosco. Il sentiero è per il 90% all’ombra e con un dislivello di 150m.

Consigliate le scarpe da trekking.

Parco delle Fucine

In più, per i bambini dai 5 ai 9 anni, è possibile accedere al Mini Park, un percorso composto da:

  • due percorsi dell’equilibrio su cavo e su tronchi
  • due zip line
  • due ferrate su roccia
  • un ponte tibetano
Parco delle Fucine

Per maggiori informazioni visita il sito del Parco delle Fucine https://www.ferratecasto.com/.

Settimana prossimo ti parlerò di un altro posto poco conosciuto, ma molto bello da visitare con i bambini.

Seguici su Facebook
instagram giocabosco
Seguici su Instagra

Organizzare un PICNIC ECOLOGICO: consigli pratici

picnicecologico

A Giocabosco cerchiamo di diffondere il rispetto ambientale anche attraverso la promozione di consigli pratici per organizzare il pranzo al sacco ecologico per le gite fuori porta.

PROGETTO PICNIC ECOLOGICO SCOPO:

  • diffondere la cultura di produrre meno rifiuti possibili, dando a genitori, bambini e insegnanti, tutte gli strumenti e le informazioni per preparare un pranzo al sacco/merenda #rifiutizero.
  • rendere consapevoli genitori, bambini e insegnanti, che è molto importante scegliere prodotti senza imballaggio, per esempio frutta e pane freschi.
  • informare genitori, bambini e insegnanti, sull’importanza di una attenta raccolta differenziata.
  • I primi a dare il buon esempio devono essere gli adulti, per questo a Giocabosco, stiamo progressivamente eliminando tutta la plastica dal chiosco bar. L’acqua è solo in vetro e a Km 0 (Fonti di Vallio), eliminati bricchetti e bibite non in vetro o lattina. Tutte le stoviglie sono in vetro, ceramica o materiali compostabili.

ORGANIZZARE UN PICNIC ECOLOGICO: CONSIGLI PRATICI

  • avvolgere i panini in tovaglioli di stoffa. Niente pellicola o alluminio che sono oltretutto poco salutari a contatto diretto con gli alimenti. Il tovagliolo di stoffa, una volta tolto il panino, può essere usato come tovaglietta e alla fine del pasto, per pulirsi la bocca. Al termine del pranzo va rimesso nello zaino, portato a casa e riutilizzato.
  • portare l’acqua o altre bibite nella borraccia/bottiglia. Niente bottigliette di plastica, bricchetti di plastica o carta.
  • mettere gli snack in contenitori riutilizzabili. Prediligere i formati grandi ed evitare i mono porzione. Patatine, biscotti, frutta fresca (tagliata o meno), frutta secca, vanno trasportati in comodi contenitori non usa e getta, niente sacchetti di plastica. La plastica in se non è da demonizzare, è l’usa e getta che ha reso questo materiale tanto dannoso. Abbiamo tutti moltissimi contenitori in plastica in casa, riutilizziamoli ogni volta dobbiamo trasportare qualcosa.
  • se si desidera usare stoviglie, utilizzare stoviglie compostabili o riutilizzabili. Niente stoviglie usa e getta.

IN QUESTO MODO IL BAMBINO SI ABITUA AL RIUTILIZZO INVECE CHE ALL’USA E GETTA.

Una volta presa questa abitudine di rimettere tutto nello zaino, la gita in qualsiasi luogo diventa a #rifiutizero.

Se si può fare fuori casa, allora perché non ridurre i rifiuti quotidiani?

facebookGiocabosco
Seguici su Facebook
instagram giocabosco
Seguici su Instagram

Creare un percorso ad ostacoli

creare percorsi ad ostacoli

In attesa di tornare a giocare nei parchi gioco, puoi creare per i tuoi bambini delle occasioni di gioco divertenti e di movimento.

Un passatempo che li divertirà di sicuro, è costruire insieme un percorso ad ostacoli in casa o meglio ancora all’aperto.

Progetta la tua corsa ad ostacoli con un punto di inizio e un punto di fine, puoi decidere anche di incorporare più giri del percorso!

Crea le medaglie o i trofei per i partecipanti.

Cronometra il percorso in modo che il bambino possa vedere il miglioramento del suo tempo.

Creare un percorso ad ostacoli

all’aperto:

Occorrente:

  • corde, cerchi, tubi, secchi, assi, palline e tutto ciò che può essere utilizzato per delimitare il percorso, per tracciare le gincane e per creare un ostacolo o una prova da superare.
  • gessetti colorati (se c’è cemento od asfalto sul quale scrivere).
  • con i tubi galleggianti da piscina e il nastro adesivo per i pacchi, puoi creare cerchi nei quali strisciare o saltare, se li metti a distanza. Puoi fissarli sopra a dei secchi o barattoli di vernice per fare gli ostacoli da scavalcare.
  • grossi scatoloni per fare i tunnel.
  • canestro.

Creare un percorso ad ostacoli

al chiuso:

  • lattine, barattoli, pacchi pasta per delimitare il percorso o le gincane.
  • sedie e tavoli.
  • nastri o fili di lana per creare una ragnatela (o laser game).

Buon divertimento!!!

Tubi galleggianti
Medaglie

Vuoi organizzare una caccia al tesoro all’aperto?

20 Esperienze da fare da domani in natura con i bambini

esperienze in natura

Se sei a corto di idee per passare i prossimi fine settimana in mezzo alla natura, lontano dagli assembramenti, ti lascio 20 idee di luoghi da visitare con la tua famiglia.

Per ognuna di queste esperienze troverai sicuramente nella tua regione il luogo migliore dove andare. Questa ricerca ti porterà a scoprire luoghi meravigliosi dei quali non sapevi l’esistenza.

20 Esperienze in natura:

  • Visitare una grotta
  • Percorrere una pista ciclabile nella natura
  • Fare una gita in barca su un fiume
  • Dormire in tenda (anche in giardino)
  • Giocare in una casa sull’albero
  • Fare il bagno in un ruscello
  • Visitare un giardino botanico
  • Percorrere una miniera
  • Recarsi in un’oasi naturale
  • Arrampicarsi sugli alberi
  • Andare a cavallo
  • Visitare una cascata
  • Fare Bird Watching
  • Dormire in un rifugio
  • Percorrere un sentiero visitando le trincee di guerra
  • Vedere un tramonto
  • Lanciare i sassi in un lago
  • Risalire in ruscello a piedi nudi
  • Costruire dighe in un ruscello
  • Cercare prove nei boschi dell’esistenza di Fate e Gnomi

Basta davvero poco per far vivere ai tuoi bambini una bellissima esperienza nella natura, non ti resta che scegliere la prossima avventura da vivere, cercare il luogo adatto più vicino e …..partire!


tenda per 20 esperienze in natura
binocolo per 20 esperienze in natura
radioline per 20 esperienze in natura
caschetto per 20 esperienze in natura

Se vuoi rendere l’esperienza ancora più indimenticabile, puoi organizzare una caccia al tesoro qualche giorno prima, il tesoro sarà un biglietto con scritto l’avventura che hai organizzato. Non sai come preparare la caccia al tesoro, oppure non hai tempo? Ti aiutano gli Gnomi ad organizzarla!

Giocare con i messaggi segreti

giocare con i messaggi segreti

Ricordo che quando ero piccola ci divertivamo tantissimo a scrivere dei messaggi che apparivano solo attraverso un trucco magico. Puoi usare questo sistema anche per gli indizi della caccia al tesoro, quando vuoi lasciare dei messaggi ai tuoi figli o per divertenti auguri di compleanno.

Materiale occorrente per giocare con i messaggi segreti:

  • foglio di carta
  • succo di limone
  • penna che non scrive più (o un bastoncino o una piuma con un calamo non troppo sottile o un coton fiocc)
  • fiamma (fornello del gas o meglio una candela, ovviamente va fatto con la supervisione di un adulto)

Giocare con i messaggi segreti

Fai qualche prova per far capire ai bambini come funziona questo inchiostro magico. Fai decidere poi ai bambini cosa vogliono scrivere. Sul foglio scrivete ognuno il proprio messaggio intingendo la penna nel succo di limone, ogni lettera deve contenere una buona quantità di succo.

Lascia asciugare il succo, una volta asciutto non si vedrà più la scritta.

Passa il foglio sulla fiamma stando ad una distanza di minimo 10 cm per non bruciare il foglio.

Magicamente apparirà la scritta come se fosse scritta con il fuoco.

Lente ingrandimento
Carta pergamena

Vuoi organizzare una caccia al tesoro e non sai come fare? Ti aiutano gli Gnomi.

Giardinaggio con i bambini

giardinaggio con i bambini

Per divertirsi e fare giardinaggio con i bambini, non è indispensabile avere un giardino. Se c’è, tanto meglio, ma è sufficiente avere uno spazio esterno, cortile, terrazza o balcone. Se non disponi di uno spazio esterno, perché non utilizzare un davanzale?

Ci sono piante a crescita rapida che daranno molto soddisfazione ai tuoi mini giardinieri. Le insalate (lattuga, lattughini, indivia, rucola, scarola), le erbe e perfino i fiori commestibili possono essere coltivati in vaso e li raccoglierai con le forbici a meno di un mese dalla germinazione.

Se invece hai più spazio, puoi piantare verdure di stagione (barbabietole, bietole da coste, cardi, le carote, i cetrioli, fagioli e fagiolini, pomodori, melanzane, peperoni e peperoncini, zucca e zucchini. Oppure puoi fare giardinaggio con i bambini con piante da fiore (viola del pensiero, bocca di leone, fiordaliso, pisello dolce e viola).

Sul davanzale potresti seminare fragole, prezzemolo, basilico o le tue piante aromatiche preferite.

Idea divertente per fare Giardinaggio con i bambini

Crea insieme ai bambini un “tepee vivente”! Costruisci una piramide con lunghi bastoni di legno o di bambù e pianta le piante rampicanti a crescita rapida intorno alla base. Potresti piantare fagioli o piselli, o piante da fiore come nasturzi o piselli dolci. Una volta che le piante avranno ricoperto i bastoni, avrai un meraviglioso nascondiglio/tana in cui giocare, creato con una meravigliosa copertura di fogliame naturale.


Vuoi organizzare una caccia al tesoro all’aperto?

Caccia al tesoro all’aperto

caccia al tesoro all'aperto

Finalmente si può tornare a giocare all’aperto con gli amici e organizzare meravigliose cacce al tesoro.

Gli Gnomi e le Fate, hanno preparato una caccia al tesoro per i tuoi bambini, devi solo stamparla e in pochi minuti il divertimento è pronto.

Alla Caccia al tesoro all’aperto può giocare un bambino da solo insieme a te, oppure in squadra con gli amici.

Basta poco per trasformare un pomeriggio qualsiasi in un momento da ricordare, per una festa di compleanno, ma anche per far socializzare i bambini.

Se invece il tempo è brutto e preferisci organizzare una caccia al tesoro al chiuso, gli Gnomi hanno pensato anche a quello!

Sia la Caccia al tesoro all’aperto che quella al chiuso sono adatte per bambini dai 3-9 anni.

E’ necessaria la collaborazione di un adulto per nascondere gli indizi.

PDF con la mappa, le prove della caccia al tesoro da stampare, le istruzioni e suggerimenti per organizzarla senza fatica.

IN OMAGGIO: PDF casetta Gnomi da costruire – Gnomi da colorare e ritagliare.

Idea per tesoro caccia :Medaglie
Baule per il tesoro
Tatuaggi pirati
Monete d’oro finte
instagram giocabosco

Seguici su Instagram o Facebook per ascoltare in diretta le storie raccontate dallo Gnomo Gelsomino e dalla Fata Madrina .

Costruisci il libro delle esperienze

libro delle esperienze

Quando si potrà uscire, cosa credi apprezzerà di più il tuo bambino? Un bel gioco nuovo o un’esperienza speciale insieme a te?


Ricordi, quando da piccolo il papà ti portava al cinema, soli voi due?

O quella volta che la mamma ti ha portato al Museo, soli voi due?

O quando sei andato a sciare con il papà e la mamma senza i tuoi fratelli?

O quando la mamma ti è venuta a prendere prima a scuola e siete andati al ristorante solo tu e lei?

E se non hai ricordi di questo tipo, quanto ti sarebbe piaciuto avere dei momenti esclusivi con i tuoi genitori?

Ci dimentichiamo spesso che le emozioni più grandi ce le danno le esperienze e la condivisione dei bei momenti.

Certo è bello vedere i bambini stupiti davanti ad un regalo incartato, ma questa emozione possiamo farla durare ore se gli regaliamo un’esperienza, o per sempre, quando si trasforma in un ricordo.

Pensaci prima di comprare l’ennesimo giocattolo che perderà di attrattiva fra qualche giorno.

Per il compleanno, la promozione o per qualsiasi ricorrenza puoi provare a fare così:

Costruisci il libro delle esperienze

Prendi un quaderno e scrivi LIBRO DELLE ESPERIENZE di ______nome figlio

Nella prima pagina incolla le immagini dei biglietti che hai comprato per portarlo al Museo/Parco/Cinema ecc e poi lascia 3 pagine per attaccare le immagini di quella giornata, i biglietti della metro, i legnetti e tutto quello il bambino vorrà incollare come ricordo.

Alla pagine 5 scrivi: BONUS 2 ore MAMMA IN ESCLUSIVA per andare ___________(lascialo decidere a lei/lui)

Lascia 2 pagine.

Alla pagina 8 scrivi: BONUS 3 ore PAPA’ IN ESCLUSIVA per andare ___________(lascialo decidere a lei/lui)

Lascia 2 pagine.

E continua così a costruire il vostro libro delle esperienze.

Se vuoi organizzare per il tuo bambino una caccia al tesoro ti aiutano gli gnomi.

Puoi anche ascoltare la voce di Gnomo Gelsomino che racconta le storie della vita degli Gnomi.

Se cerchi idee per lavoretti le trovi sul Blog di Giocabosco.

Seguici su Instagram per vedere la Fata Madrina e Gnomo Gelsomino.

instagram giocabosco

Il gioco dell’elastico

Giocabosco il gioco dell'elastico

Oggi aprendo un cassetto ho trovato un pezzo di nastro elastico piatto, quello delle mutande, per capirci.

Mi sono ricordata che da bambina questo oggetto rappresentava la felicità! Interi pomeriggi estivi passati a giocare in cortile con gli amici a fare tornei. Le bambine erano le più forti perché ci giocavano moltissimo, ma anche i maschi, tra un tiro e l’altro del pallone, si divertivano con noi con questo gioco.

Si giocava minimo in tre, ma io continuavo anche da sola in casa. Bastavano due sedie e il gioco non finiva mai.

L’ho proposto al mio bambino di 8 anni, facendogli vedere le poche sequenze che ricordavo ed è stata subito sfida!

Poi ha continuato ad allenarsi da solo per diventare più forte.

In questi giorni far fare del movimento ai bambini è diventato difficile! Il gioco dell’elastico è servito a fargli ritrovare la voglia di saltare, allenandosi in previsione delle sfide che farà con la cugina.

I bambini hanno tantissime energie che difficilmente riescono a scaricare in questo periodo, questa potrebbe essere una delle soluzioni.

Il gioco dell’elastico si faceva negli anni 70/80, se sei troppo giovane e non sai di cosa sto parlando, cerca su YouTube.

Se vuoi organizzare per il tuo bambino una caccia al tesoro ti aiutano gli gnomi.

Puoi anche ascoltare la voce di Gnomo Gelsomino che racconta le storie della vita degli Gnomi.

Se cerchi idee per lavoretti le trovi sul Blog di Giocabosco.

Seguici su Instagram per vedere la Fata Madrina e Gnomo Gelsomino.

instagram giocabosco

  • 1
  • 2
  • 5

Il Giocabosco Di Sartori Michela, Via del Colle 21 - 25085 - Gavardo (BS) - P.I. 02569620988

Parco Tematico Didattico - Didattica nella Natura