fbpx

Le Filastrocche di Gnomo Gelsomino

Gnomo Giocabosco

Le Filastrocche di Gnomo Gelsomino

Licenza Creative Commons
Quest’opera di Le Filastrocche di Gnomo Gelsomino è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

E’ possibile condividere liberamente quest’opera, menzionando la fonte a questo link.

Filastrocca: Chi pensa ai bambini?

Bambini, grandi e piccini,

esseri speciali con troppi confini.

In casa giocano a nascondino

senza un amico vicino.

Noi sempre connessi 

sopravviviamo di compromessi,

Loro sempre pronti 

ad ascoltare i nostri racconti.

Cosa resterà di questi mesi?

Ne usciranno illesi?

Aspettano e si adattano fiduciosi,

come noi ogni giorno più nervosi.

Non ci sono certezze

possiamo solo darci carezze,

coccole e abbracci infiniti, 

almeno a casa non sono proibiti!

Filastrocca: La mamma è triste

Oggi sono triste, non c’è niente da fare,

è inutile che mi provi a sforzare.

Sono tanti giorni che sorrido e tengo duro,

ma tu lo capisci che sta crollando il muro.

La mamma ci prova a darti serenità,

proponendoti tante attività,

ma i giorni passano tutti uguali

e gli unici contatti sono virtuali.

Mi viene da piangere ma ci sei tu,

che per farmi ridere urli “cucù”!

Filastrocca: Il mondo ha rallentato

Oggi sono uscito dalla mia casetta,

come al solito, senza fretta.

Sento qualcosa di strano,

mentre l’ansia cresce man mano.

Nessun rumore nell’aria,

solo una grande calma.

Riesco a sentire distintamente

ogni uccellino in occidente.

C’è una pace tutto attorno,

sarà sicuro un buongiorno.

Mi sdraio nel prato 

e piano piano riprendo fiato.

Finalmente il mondo ha rallentato.

Filastrocca: La befana

La conosci la Befana?

E’ una signora anziana

che ama i bambini 

e gli porta piccoli regalini.

Gli adulti proprio non li supporta

e a loro nulla porta.

Su una scopa di notte viaggia,

il freddo non la scoraggia.

Indossa vecchi abiti di lana

E piano piano nel camino plana.

Appendi in casa un grosso calzettone

E se sei stato buono non ti arriverà il carbone

Filastrocca: Io sono il futuro del mondo

I boschi e la natura sono rovinati,

dagli uomini troppo inquinati.

Io sono il futuro del mondo

e il rispetto per la natura diffondo.

Nulla va buttato,

tutto può essere riutilizzato.

Filastrocca: Lo Gnomo Però

Filastrocca di benvenuto a Giocabosco

Ben arrivato nel nostro mondo Fatato.

A Giocabosco Gnomi e Fate, vivono da tempo indefinito

e ti fanno un accorato invito.

I boschi e la natura sono poco rispettati,

E Gnomi e animali troppo disturbati.

Ti chiedono di intraprendere una missione,

Da compiere con attenzione.

Vieni nel bosco, partecipa con noi all’avventura,

Servono, coraggio e volontà ma non avere paura!

Ti divertirai a stare in mezzo alla Natura!

Imparerai ad essere un bravo guardiano del bosco,

difendendolo da ogni personaggio losco.

Capirai che è importante non sprecare

e che tutto si può recuperare.

Ti insegniamo a fare un gita a rifiuti zero

e vedrai che differenziare non sarà un mistero! 


Filastrocca di San Valentino

Lo Gnomo a San Valentino, 

ha nascosto un bel pacchettino

sotto le foglie in fondo al giardino.

Poi ha organizzato una caccia al tesoro

sperando di fare un capolavoro.

Ha preparato tutto con tanto amore

ma ha fatto un piccolo errore.

Usciva dal pacchetto un buon profumino

che ha attirato un bel micino.

Insieme alla Gnoma adorata 

arrivato all’ultima prova 

cosa trova?

Il bel micetto 

che si lecca i baffi contento.

La Gnoma vede il micio

ed esplode un fuoco d’artificio!

Non desiderava altro pegno d’amore

che un esserino a cui dare calore.

Bacia lo Gnomo con ardore

E lui si compiace del suo piccolo errore!



Filastrocca: Lo Gnomo Felice

Filastrocca dello Gnomo Felice

Lo Gnomo Felice si sveglia al mattino 

e ancor con la testa poggiata al cuscino,

ringrazia il creato, perché 

di tutto quello che ha, è grato!

Ringrazia mentre scende dal suo letto

ed è cosi contento che fa un balletto.

Ringrazia per il cielo, il sole, la luna e

Perché vederli ogni giorno è una fortuna.

Si lava cantando una canzone,

sorride allo specchio e si sente un leone.

Non è mai avaro di complimenti e abbracci,

La sua porta è sempre aperta, non ha catenacci.

La sua vita è ricca d’amore

Perché vive di buonumore.


Filastrocca dello Gnomo Lento

Era famoso nel suo villaggio

questo strano personaggio.

Era sempre in terribile ritardo e

non alzava mai lo sguardo.

Non sapeva cos’era la fretta,

al suo orologio mancava una lancetta.

Niente lo faceva un po’ accelerare, 

neanche la zuppa che bruciava sul focolare.

Un giorno lo gnomo vigile si arrabbiò,

lo fece accostare e lo multò.

Gli fece una bella ramanzina, 

vietandogli di andare come una lumachina.

Lo gnomo lento si offese talmente

che non si fece più vedere tra la gente.



Filastrocca di Santa Lucia

Sento suonare un campanello,

è Santa Lucia con il suo asinello?

Quanta agitazione in questi giorni

con la Santa nei dintorni.

I bambini hanno scritto la letterina

e preparato il piatto con la farina.

Hanno promesso che saranno buoni

e così si aspettano tanti doni.

A noi genitori una sola raccomandazione,

tramandare intatta la tradizione.

Con emozione far vivere l’attesa,

mantenendo la tensione accesa.

Più dei regali, quello che i bambini non scorderanno, 

sarà la magia dell’attesa lunga un anno.


Filastrocca della Buonanotte

🍄Quando lo gnomo va a letto,
mette il pigiama e toglie il berretto.

🍄Prima, lava faccia e denti,
così mamma e papà sono contenti.

🍄Chiude gli occhi serenamente
e dimentica tutta la gente.

🍄Sogna boschi, prati e mongolfiere
e di un castello è il cavaliere.

🍄La mattina si sveglia assonnato,
perchè il suo sonno è molto agitato.


Filastrocca: Piove

Piove, piove, piove, 

vorrei uscire a giocare, ma mamma non vuole.

Pozzanghere grandi come il mare,

ma io non ci posso saltare!

Piove, piove, piove, 

la mamma dice: “Povere le mie scarpe nuove!”

Io voglio stare fuori, ne ho bisogno,

perché mi dici: “Neanche per sogno?”

I grandi pensano: “Che giornataccia!”,

io rido e mi lecco la pioggia sulla faccia.

Piove, piove, piove,

voglio uscire, per giove!

Non capisco e mi lagno,

che importa se mi bagno?


Filastrocca: Gli Gnomi e il tempo

Ieri è passato, Gnomo Gelsomino

senza giocare con alcun Bambino.

Oggi aspettiamo che venga domani,

per incontrare tanti nuovi Guardiani.

Un’ora fa non c’era nessuno,

quando sarà questo nuovo raduno? 

Noi siamo stufi di aspettare,

quanti minuti devono passare?

A volte il tempo non passa mai,

se ti diverti corre assai,

viene la sera velocemente, 

il tempo scorre come un torrente.



Filastrocca: vorrei

Vorrei trovare dentro al cuore 

quell’emozione della mattina di Natale,

mentre veloce scendevo le scale.

Quando ancora tutto poteva accadere

e vedevo sempre mezzo pieno il bicchiere.

Sono adulto e ogni anno si allontana

Babbo Natale ma anche la Befana.

Vivo di riflesso l’emozione dei miei bambini,

ma non sento la stessa cosa scendendo i gradini.

Non lo so più neanche spiegare

cosa provavo la mattina di Natale.

C’è tutto, l’albero, il presepe, i regali

e le candele sugli scaffali.

Manca solo la grande magia 

forse l’ha rubata la tecnologia.

Più di ogni altra cosa vorrei provare

la trepidazione della mattina di Natale.


Ti piacerebbe ascolare la voce di Gnomo Gelsomino?



instagram giocabosco

Seguici su Instagram per restare aggiornato su video, storie e lavori creativi.


Se sei un Genitore e vuoi far vivere l’esperienza di Giocabosco ai tuoi bambini clicca qui

Sei un Insegnante di Asilo Nido e vuoi far vivere l’esperienza di Giocabosco ai tuoi bimbi? Clicca qui

Se sei un Insegnante di Scuola dell’Infanzia e vuoi far vivere l’esperienza di Giocabosco ai tuoi alunni clicca qui 

Se sei un Insegnante di Scuola Primaria e vuoi far vivere l’esperienza di Giocabosco ai tuoi alunni clicca qui

Il Giocabosco Di Sartori Michela, Via del Colle 21 - 25085 - Gavardo (BS) - P.I. 02569620988

Parco Tematico Didattico - Didattica nella Natura